L’intelligenza del porcospino

porcospino.

“Fa freddo senza di te, ma si vive…” scriveva, molto tempo fa, mi hermano del alma, il poeta salvadoregno Roque Dalton.
“Vorrei parlarti del freddo del cuore/del mio cuore di radice ferita”, gli rispondeva Alda – dall’altra sponda del mondo, fissi gli occhi sul ghiaccio dei navigli.

Mi è stato sempre simpatico Arthur Schopenhauer (… che forse decifrò l’universo, diceva Borges).
Forse perché è nato, come me, sotto il segno dell’acquario (qualunque cosa voglia significare), forse perché era un vecchio brontolone e accigliato, forse perché ogni tanto, dal risvolto della giacca, gli spuntavano brandelli di tenerezza, che lui cercava subito di occultare.

Lui, che sosteneva che l’amore è un inganno della natura, il cui unico scopo è la conservazione della specie, nel suo ultimo libro, Parerga e paralipomena, si lascia scappare una parabola che sembra parlare proprio di quel freddo (o forse sono io che me lo sto inventando).

Alcuni ricci, ci racconta, in una gelida giornata come questa, d’inverno, cercando di sopravvivere, pensarono di avvicinarsi gli uni agli altri.
Lo fecero.
In effetti, la vicinanza dei corpi creava un immediato e salvifico tepore.
Ma, man mano che si riduceva la distanza, cominciarono a sentire su tutto il corpo le punture degli aculei, di cui ciascuno di loro era rivestito, come difesa estrema contro l’invadenza altrui.

Fecero avanti e indietro, diverse volte, indecisi sul da farsi.
Allontanarsi significava morire assiderati. Accostarsi, farsi trafiggere.
Fino a quando, a suon di dai, non trovarono la giusta misura della distanza reciproca. Quello spazio in cui potevano (possiamo) essere insieme agli altri – all’altro – senza tremare di freddo e senza ferirci.

L’Intelligenza del Porcospino, la chiamò, nel 1851.

Sono passati un sacco di anni, e altrettanti inverni. Di sicuro ci abbiamo provato, ma siamo stati capaci di trovare la misura giusta?
Io qualche dubbio ce l’ho.
Altrimenti, perché tanto freddo in giro?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: