Il rinoceronte

rin

In una tranquilla città europea, due amici, seduti a un bar, discutono del più e del meno.
All’improvviso, come in un guizzo di realismo magico, fa la sua apparizione il primo rinoceronte. Inutile dirlo. Trambusto, allarme, scompiglio generale. Ma dopo qualche sobbalzo, sempre più in sordina, la situazione sembra volgere al normale.

Non perché il rinoceronte sia scomparso. Anzi, ne arrivano addirittura altri.
Uno di loro persino calpesta e uccide il gatto di un vicino.

La cosa interessante è che, piuttosto che chiedersi l’origine di una tale apparizione, tutti s’accapigliano sui dettagli: il fatto che uno fosse più grande dell’altro, o meno, con diversa quantità di corna, dal colore variabile, la corazza… e via discorrendo.

Tra di loro, immancabile, si inserisce un vecchio filosofo che contribuisce a rendere ancor più surreale una scena nata da una mente tra le più surreali mai esistite.
Quella di Ionesco?
No. Quella degli umani nel momento in cui decidono di rinunciare alla propria capacità di interpretare il divenire

Ecco qui un sillogismo esemplare, dice il filosofo. Il gatto ha quattro zampe. Isidore e Fricot hanno ognuno quattro zampe. Quindi Isidore e Fricot sono gatti.
Anche il mio cane ha quattro zampe, replica un cittadino.
Allora è un gatto, conclude il filosofo.

Un giorno, dopo l’arrivo dell’ennesimo pachiderma, una vicina lo osserva e riconosce in lui il proprio marito, recentemente scomparso.
Da lì in poi, uno ad uno, ciascuno dei personaggi si trasformeranno in rinoceronti. La città si riempirà di barriti, polvere, sordità e distruzione.
Se ne salverà uno, Berenger, che rifiutando la metamorfosi collettiva diventa l’ultima speranza di sopravvivenza del genere al quale appartiene.

Il rinoceronte non è altro che una fantastica allegoria, come tutte quelle sfornate dal maestro rumeno.
“Il mio scopo, lo scopo di questa pièce, diceva, “è descrivere il processo di nazificazione di un paese.
La accettazione pedissequa di ciò che viene dall’alto imposto, si tratti di disposizioni, ordini esecutivi, correnti di pensiero, modi di dire, di fare, di annullarsi.
Che avviene progressivamente, in modo quasi indolore, come nella parabola della rana bollita, con la quale Chomsky cerca da qualche decennio di metterci in guardia contro noi stessi, contro la nostra capacità di accettare ciò che una volta sarebbe sembrato impossibile, e che pian piano diventa consuetudine.

I personaggi di Ionesco rappresentano (sono) la società reale. L’impiegato, la cameriera, la segretaria, il commerciante, il rigattiere… talmente comuni, nel loro diverso modo di spartirsi la giornata, da conformare un tutto. Da farci pensare che quell’epidemia dell’accettazione collettiva, quell’abbassare la testa davanti alla mostruosità fresca di giornata, fino a trasformarci in essa, non risparmia niente e nessuno.

Forse per questo Ionesco si vede così poco in giro, ultimamente. Forse per questo andiamo così poco a teatro. Forse per questo, quando lo facciamo, cerchiamo accuratamente di non cascarci.
Se non c’è almeno un rinoceronte alla porta di ingresso, ad entrare non ci pensiamo nemmeno.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: