BOLERO – JULIO CORTÁZAR

1653520_663692243672520_1444371170_n

Quanto è sciocco immaginare

che io possa darti tutto, l’amore e la gioia,
gli itinerari, la musica, i giocatoli.

Certo, è così:
posso darti tutto ciò che è mio, è vero
ma tutto ciò che è mio non ti basta
come a me non basta
tutto ciò che è tuo.

Per questo non saremo mai
la coppia perfetta, da cartolina,
se non siamo capaci di accettare
che soltanto nell’aritmetica
il due può nascere dall’uno più uno.

Da qualche parte
un bigliettino annuncia:

sei stata sempre il mio specchio,
voglio dire che per vedermi avevo bisogno di guardarti.

E poi questo frammento:

La lenta macchina del disamore
gli ingranaggi del riflusso
i corpi emigrando dai cuscini
dalle lenzuola, i baci

in piedi davanti allo specchio s’interrogano
ognuno se stesso
non più guardandosi tra di loro
non più nudi l’uno per l’altro,

ho smesso di amarti,
amore mio.

(da “Tranne il crepuscolo”, 1985)

Trad. di M.F.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: