Se amate i poeti, citate i traduttori.

Se amate i poeti, citate i traduttori. Sono loro a rendere universale ciò che universale non è. Neruda, Shakespeare, Walt Whitman, Prevèrt, Benedetti… non scrivevano in italiano. C’è qualcuno che si è preso la briga di tradurli per voi. Ha forse commesso dei tradimenti, si è concesso delle libertà, ha sbagliato (a sua insaputa). Per questo si firma in calce. E’ il suo modo di prendersi le proprie responsabilità.
Come sostiene Octavio Paz, “tutti i testi sono originali perché ogni traduzione è diversa. Ogni traduzione è, fino a un certo punto, un’invenzione, per cui costituisce un testo a sè”.

Annunci

4 responses to this post.

  1. Posted by elisabetta marelli on maggio 31, 2014 at 5:32

    Ciao Milton, è diretta a me questa tua citazione? hai detto che “modifico” l’originale, aproposito de La Fiamma, e hai ragione, a volte è più forte di me e devo modificare ma ora cerco di stare più attenta. Mi sono chiesta il perché e forse è la formazione fa prof. Ciao betta

    Rispondi

  2. Condivido il tuo pensiero. Anzi, c’è chi mi ha detto che il traduttore è un co-autore. Sicuramente ha una grossa responsabilità: se traduce male l’autore non sarà letto, o almeno le sue poesie saranno apprezzate con ritardo.
    Ne approfitto per chiederti se posso usare qualche tua poesia (con i tuoi riferimenti) per postarla da me.
    Carla

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: