May Ziadeh – Gli occhi


Gli occhi sono i tuoi talismani
occhi chiari come il cielo
profondi quanto l’oceano
vasti e illusori alla par di un deserto
occhi che danno un senso all’etereo regno della bellezza
occhi percorsi da nubi lampeggianti
occhi da cui distogli lo sguardo in ricerca di un neo,
un chicco di splendore,
occhi vicini e tondi,
a mandorla, allungati,
infossati nelle orbite dall’aver troppo guardato
occhi che si curvano, pigri, lentamente
sul deporsi sottile della palpebra
come uno stormo di bianchissimi uccelli
che sorvola i laghi del nord.
Altri occhi emanano raggi di verde fiammata,
attraggono come uncini il cuore che gli guarda
e ci sono poi altri,
ed altri ancora…

occhi sensibili, pensierosi
occhi lieti
occhi che cantano
che scintillano al ritmo dell’odio e dell’ira
che conformano voragini ed arcani!

Gli occhi e i loro segreti.
Occhi che celano pensieri,
o che li svelano.
Occhi gravati dal velo del torpore
dalle pupille dilatate dall’amore,
o contratte dall’odio.
Occhi che chiedono incessanti “chi sei”
e tornano a chiederlo ad ogni tua risposta
occhi che decidono in un lampo “tu sei mio schiavo”
o che implorano “ho bisogno di soffrire, chi saprà torturarmi?”
occhi che dicono “voglio opprimere, dov’è la mia vittima?”
occhi che sorridono e che supplicano
occhi in cui risplende l’incanto della preghiera e l’estasi dell’implorante
occhi che indagano nei tuoi segreti e dicono “non mi riconosci?”
occhi che alternano domande e seduzioni,
dinieghi e affermazioni.

Occhi, gli occhi,
forse non ti impauriscono, gli occhi?

E tu, qual’è il colore dei tuoi occhi,
cosa esprimono,
a che mondo visibile o invisibile si rivolgono?
Vai allo specchio
osserva i tuoi talismani fatati,
li avevi mai studiati prima d’ora?
Osservali in fondo al loro abisso,
troverai la voglia di sapere,
quella che spia il movimento del creato,
che degli astri insegue eterno moto
nel suo abisso profondo scorgerai
ogni luogo, ogni viso, ogni singola cosa…

E se vorrai conoscere me,
l’ignoto,
scruta le tue pupille,
il tuo sguardo mi troverà in se stesso,
tuo malgrado.

May Ziadeh (Nazareth – Palestina 11/2/1886 – Il Cairo – Egitto 17/10/1941)
Trad. dal francese di M.F.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: