Mario Benedetti- Desaparecidos


Da qualche parte stanno/concertati
sconcertati/ sordi
cercandosi/cercandoci
bloccati dagli indizi e le incertezze
contemplando i recinti nelle piazze
i bubboli alle porte/ i vetusti terrazzi
riassettando i sogni e gli abbandoni
forse convalescenti d’una morte privata

nessuno gli sa dire con certezza
se sono vivi ancora oppure no
se sono diventati tremori o manifesti
sopravviventi o moniti

vedono passare alberi e uccelli
ignorando a quale ombra si convengono

quando cominciarono a sparire
tre cinque sette cerimonie fa
a scomparire senza sangue
senza viso e nemmeno una ragione
intravidero dalla finestra dell’assenza
quel che restava indietro/l’impalcatura
di abbracci fumo e cielo

quando cominciarono a sparire
come l’oasi nei miraggi
a scomparire senz’ultima parola
avevano nelle mani dei pezzetti
delle cose che amavano

da qualche parte sono/nuvola o tomba
da qualche parte stanno/ mi risulta
forse nel sud dell’anima
dove magari hanno smarrito la bussola
e girovagano domandando e domandando
dove cazzo si trova il buon amore
loro che arrivano dall’odio

Mario Benedetti
Trad. di M.F.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: