Concomitanze

Venì a dormir conmigo
no haremos el amor
èl nos harà…
J.Cortàzar

Avanza spesso un braccio
quando è sera
e il mio corpo cancella
i suoi confini
la tua testa s’insabbia sul mio petto
e la notte
nel letto
fa rotta verso il nulla

avanza spesso un fianco
mentre albeggia
a scanso di parole
sul calar dei sospiri
e il futuro vagheggia
nel di là del portone
come un cane alla soglia
il fischio del padrone

avanza tanto spazio
e troppa storia
non ci sono perché
né fino a quando
non so più il tuo nome
già non mi occorre il tempo
il tuo tutto si spalma sul mio niente
il mio giorno s’arrende
alle
tue
ombre

Dongje - Milton Fernàndez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: