Arriverà puntuale

Arriverà puntuale un giorno già vissuto
arriverà di notte
come da copione
s’infilerà nel letto e
mi bacerà la gola

arriverà
di notte
l’eterna innamorata
e prenderà possesso
di tutti i miei segmenti
e avanzerà pretese
d’amante abbandonata
e sbarrerà i miei passi
tra virgole e parentesi

indosserò mansueto l’oblio già in attesa
ti guarderò all’uscire
pregando
a quale dio?
e prenderò leggero di bagagli la strada
del penultimo esilio

sussurrerò un addio
che non ricambierai

ti bacerò sugli occhi
non mi vedrai partire

Remedos de dìa, Milton Fernàndez

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by yasmine on maggio 2, 2010 at 5:32

    lo so che sono monotona, mi scusi: ma lei è un poeta prima che un narratore. Anche questa è splendida. Non molli. Non si faccia dire addio.

    Rispondi

  2. Posted by La Tana on maggio 2, 2010 at 5:32

    Ayyyy, cuánta maravilla puede encerrar la tristeza que arrastra este poema. Duele, Fernández, ¡cómo duele la belleza de tus letras!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: