Stanchi di gaiezza

Stanchi di gaiezza
di leggerezza affranti
di tanto troppo
tempo consumato
a raccontare storie
da capo ad ogni riga
a cadacoda
agguantando la noia
la nausea del mattino
sorridere
ammaliare
chiacchierare del meno
che del più
già
è stato fatto:
il pane dal fornaio
il latte dal lattaio
il grano nel granaio
il sole nel solaio
e tutto
sotto il solito
martellante martello

tracatùm
tracatùm
tracatàn pam pam pam
pum

ritorna il ritornello
e la vita ripassa
sotto il solito ciglio
il consueto percorso
la medesima scia

e noi
che siamo stanchi
stanchi di gaiezza
di leggerezza affranti
di storie e geografie
che accidente facciamo
che misure prendiamo
per trafugare indenne
un pezzetto di gloria
per riscattare il giorno
con l’intero equipaggio
per arrivare a sera
per tirare a campare
per attendere l’alba
e magari
così
ri-
cominciare…?

Esseri irragionevoli (in via d'estinzione), Milton Fernàndez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: