Mi trema il petto – Alejandro Jusim


Mi trema il petto ferito di silenzi
trema il mio sguardo disperso in mareggiate
mi trema il sangue, fatto di amore e crepa
trema perfino il tremore mascherato

Mi trema il non sapere quando è che hai tremato
mi trema quella casa sparsa in terra
mi trema questa lacrima scappata
mi trema il tuo pianto, compañero.

Mi trema il sonno fratello e trasandino
mi trema Talca, Concepciòn y Talcahuano
mi trema l’impotenza di essere lontano
mi trema il non essere lì, con la mia mano

Mi trema l’ingiustizia che distrugge
mi trema l’operaio licenziato
mi trema fino alle ossa quel bambino
mi trema l’orfanità di quella fame

Mi trema ma il pugno non lo allento
anche tremante sarà pugno domani e sempre in alto
domani sarà il turno di quelli che non tremano
tremeranno di panico di fronte al nostro assalto

E vedrà il giorno quel giorno la mia gente
perché ho smesso di tremare, compañeros
e oggi semplicemente mi alzo in piedi!

Alejandro Jusim – Argentina
Trad. di M.F.

Annunci

2 responses to this post.

  1. Gracias compañeros, al ver mi poema traducido al italiano, realmente me emocione hasta el llanto.
    Gracias por difundir la cultura popular latinoamericana.
    HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!!!!!!!

    Rispondi

  2. Posted by paola on maggio 31, 2010 at 5:32

    intensa e bella

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: