Mandriano

Mi ritornano in mente, a volte
in quella lingua che fu di alti signori
i mirabili nomi della creazione
intesa come cielo fiumi coraggio
ed estensione

Arapey, Dayman, Cebollatì, Tacuarembò
territori dell’anima di un uomo appena conosciuto
ma del quale conservo e porto addosso
una certa malinconica fierezza
la passione dell’andare
il senso della ricchezza
espressa in un cavallo
un vecchio poncho e
un fuoco acceso ad un lato o l’altro del cammino

laggiù dove la terra ribolliva
in corna sterco e grida
-camicia al vento-
sotto gli zoccoli di bestie inconsapevoli
mio nonno esercitava il suo mestiere polveroso ed antico
metà albero / metà sentiero
di uomini liberi fino all’impertinenza
ai quali perfino la morte s’avvicinava con rispetto

sento a volte che sto tornando
alle radici

mi duole tutta l’immensità
che non ho mai conosciuto

Goleada

Goleada, Milton Fernàndez

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: