Il sale della lingua – Eugènio de Andrade


Ascolta, ascolta: ho ancora
una cosa da dire.
Non è importante, lo so, non
salverà il mondo, non cambierà
la vita di nessuno – ma chi
è oggi capace di salvare il mondo
o solo di cambiare il senso
della vita di qualcuno?
Ascoltami, non ti farò perdere tempo.
È poca cosa, come la pioggerella
che vedo scendere piano piano.
Soltanto tre, quattro parole, poco più.
Parole che ti voglio confidare.
Affinché non s’estingua il loro fuoco,
il loro fuoco breve.
Parole che ho molto amato,
che forse ancora amo.
Esse sono la casa, il sale della lingua.

Eugènio de Andrade – Povoia de Atalaia, Portogallo 1923 –
(Trad. di M.F.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: