Duecentoventicinque – Alejandra Correa

Il padre si risveglia col terrore negli occhi.
Dentro quell’ incubo, suo figlio corre a briglie sciolte: è sul punto di cascare in un profondo lago di acque quiete e lui non riesce a raggiungerlo.

Poco tempo dopo, anche suo figlio, che dorme a casa della nonna, si risveglia. Ho fatto un brutto sogno, racconta. Un sogno orribile: uno dei suoi amati pesciolini è saltato fuori dall’acquario ed è sul punto di morire, asfissiato. Per qualche strana ragione lui non riesce a salvarlo.

Potrebbe essere nient’altro che una storia. Che qualcuno sta raccontando a qualcun’altro, ma è in verità successo. Ieri notte padre e figlio si sono dati appuntamento in un altro punto della realtà, sulle rive di un fiume vasto e oscuro.

Alejandra Correa
(Trad. di M.F.)

Alejandra Correa è nata a Minas – Uruguay. Vive a Buenos Aires – Repubblica Argentina.
Ha pubblicato: Río partido (1998), El grito (2002), Donde olvido mi nombre (2005) e Cuadernos de caligrafía (2009)..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: