Porta Venezia

Annotta
lenta la città trascina il culo
al sicuro
la borsa stretta
lo sguardo duro
serali e puttane a spasso per le strade
cancellate le tracce della tappa forzata
la vita tira avanti tra promesse e richiami
domani si riparte
è meglio non pensare

questa città fa male

fa male fino all’osso
quest’afosa presenza
che ti fiata sul collo
mi duole la sua faccia incipriata
la sua ostentazione
questo allargare le gambe al potente di turno
e lasciarsi marchiare

e già notte fonda
forse dovrei dormire

sotto la mia finestra
una macchina intenta a pulire la strada
la vetrina di fronte narra
fiabe di paesi lontani
all’asfalto inebriato
e un odore di pane
da poco sfornato
si ritaglia una via
e mi riempie la stanza

questa città fa male

ma è notte
e c’è finalmente tempo per i miracoli

Esquina, Milton Fernàndez
Esquina, Milton Fernàndez
Annunci

One response to this post.

  1. Hi friend How are You ? I like your post and i want to stumble it for my friend but i cant see your social bookmark widget in this blog. Please help me admin Thank You Steven

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: