In cosa credo (II)

Le dieci domande a uno che si definisce di sinistra (cioè me stesso)

1°- Quali erano i valori in cui credevo quando capii di essere “di sinistra”?

2° – Qual’è la ragione per la quale ho continuato a professarmi tale, nonostante le diverse versioni che il mercato della così chiamata Sinistra ha cercato di rifilarmi, qualche volta perfino in offerta speciale?

3° – Non trovo grave l’aver continuato a ricompensare con incarichi pubblici e generosi emolumenti coloro che hanno tradito tutte le promesse, i principi e gli ideali che erano alla base di quella mia convinzione?

4°- Secondo dichiarazione degli stessi dirigenti del mio “settore di appartenenza”, quei favori che hanno permesso a Berlusconi di diventare padrone dell’Italia sono stati generosamente elargiti da una classe politica che io ho contribuito ad ingrassare. Lo sapevo che fossero delle prostitute?

5°- Sarà mai capitato che dei “Garanti dello Stato”, senza l’autorizzazione dei cittadini, anzi, agendo contro la loro sovrana volontà espressa attraverso un referendum, decidessero impunemente di tradirla , come è il caso, per esempio, dei soldi che continuano a spartirsi trasversalmente e che hanno avuto la sfrontatezza di chiamare rimborsi elettorali? Come mi sento quando penso che per farlo hanno potuto contare sul mio aiuto, cioè il mio voto?

6°- Posso dirmi certo del fatto che le mie continue ricerche di rassicurazione, la mia necessità di un stretto legame col mio passato non mi stiano portando verso una pericolosa incapacità di analisi, verso una progressiva immobilità che rasenta l’impotenza, e che assomiglia ben poco a quel pensiero progressista che alimentava i miei sogni all’inizio del viaggio? Non sarò sotto ricatto da parte di quella storia?

7°- Le mie condotte sono concordanti con il mio pensiero? Quando critico un comportamento che mi ripugna, mi chiedo: cosa farei io se mi trovassi in una situazione simile, cosa ho fatto quando mi è capitato? E una volta ottenuta la risposta, riesco ancora a guardarmi allo specchio?

8°- Ritengo ancora di potermi fidare delle mie convinzioni, di quelle professate da quanti si offrono di rappresentarle? Se lo escludo, che cosa sto facendo per distinguermi da quelli che, ai miei occhi, raffigurano quanto dovrei combattere?

9°- Ho sentito parlare, ne parlo in continuazione, di un progetto eversivo atto a minare i valori strutturali e i diritti fondamentali posti alla base di ogni convivenza umana. Oltre a criticare e a ridere di chi lo sta portando avanti, che cosa sto facendo per contrastarlo?

10°- Alla luce di quanto è emerso dalle mie risposte, come sono le mie condizioni di salute? Posso ritenermi ancora vivo?

Mi sottopongo a queste domande da un sacco di tempo. Qualche risposta me la sono data. Altre sono in attesa della mia approvazione. E mi stanno sconquassando il fegato. Quasi quasi mi querelo.

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by paola on settembre 1, 2009 at 5:32

    forse bisognerebbe ridefinire il significato che ognuno di noi attribuisce alla parola “sinistra”:
    per me è solidarietà e condivisione, l’impossibilità
    di sentirsi estraneo alla sofferenza di ogni essere
    (non solo umano). Sinistra dovrebbe essere il rifiuto dello sfruttamento in ogni sua forma, il riconoscere dignità e diritti ad ogni diversità.
    Dovrebbe essere pratica quotidiana, permeare ogni
    scelta e comportamento. In mancanza di questo, rimane una parola vuota, un’etichetta inutile.
    Quando questi comportamenti saranno definiti
    “marziani”,bisognerebbe cercare di essere marziani

    Rispondi

  2. Posted by Milton Fernàndez on settembre 1, 2009 at 5:32

    Sono d’accordo con te. Benvenuta nel pianeta rosso.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: