Che bello che il pianeta

Che bello che il pianeta disponga
di tale quantità di ali
di ghiandole
di corpi nudi distesi pelle a pelle
di esseri irragionevoli
di funamboli artritici in intimo
e reciproco scambio
di paure di morte
indossati una volta
soltanto
e quasi nuove

che bello che il giorno si proclami
cosi palesemente giorno
sedia la sedia
bocca la bocca
superba la tua nuca
con la sua antica volontà di nuca
che la lingua si consegni alla sinuosità dei tuoi tragitti
che intrisi di saliva e di ferocia
si rassegnino i denti
alla smaniosa volontà del rogo
che tra le fronde di muschio
la vita sia ancora
ancora per un giorno
un morso
una spina nel fianco molliccio del pudore
una cassaforte di velluto viola
socchiusa ed amichevole
nelle cui viscere il giorno finirà
prima o poi
per covare
inconsapevolmente
il
divenire

,kji
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: